venerdì 7 febbraio 2014

Foggia di Jocelyn Brooke (trad. di Salvatore Rosati)



UNA MAGNIFICA POESIA scritta da un militare Inglese,dopo i bombardamenti del 1943. La lessi la prima volta,metà anni '70 , in un volume edito dall'Amministrazione provinciale curata da Pasquale Soccio,dal titolo "Omaggio a Foggia".

Foggia

Mi sporgo dalla finestra
Nella sera glaciale,
E vedo il crepuscolo d’inverno
Dissolvere le dirute mura;
E il tramonto ostile fiammeggia
Sulla secca e vuota corteccia
Del sobborgo cittadino, e cade
Come un dito accusatore
Sulle chiese sventrate,
Sulle piccole case rotte
Spaccate come giocattoli; o indugia
Per le strade e cerca
Con la perizia d’un poeta
I piccoli, i trascurati
Segni dell’antica, invincibile
Vita che senza sosta,
Tutta innocente e improtetta
Ora si rinnova: il bimbo
Che giuoca con un cerchio, la donna
China sul fornello,
E i lastricati con la lanugine
Del tenero verde primaverile
Di finocchio selvatico e cicoria.
Ed ora, calando la sera,
Le case ruinate si adergono
Scialbate di luna, bianche come ossa,
Presso l’orlo della città, dove i campi
Fluiscono dolcemente nell’ignoto
Paese oscurato dalla guerra;
E la porta appena illuminata
Offre la sua visione incorniciata di buio(Una natura morta di Chardin);

E i fuochi sul lastricato
Che ardono per il pasto serale
Come per una festa,
Sfidano la dura costrizione
Della Guerra e l’urgente, maschio assalto
Del preparato disastro:
Segnale luminoso per i futuri
Giorni sorridenti
Quando di nuovo i fuochi festivi
Nella strada e sulla piazza avvamperanno
E i getti e le candele romane
Sprizzeranno la loro ingenua lode
Delle sgargianti immagini di santi,
Riscattando con ore liete
Questo duro tempo senza amore;
E la gente tornerà a danzare
Nelle strade parate di fiori,
Tra lo scorrere del vino nuovo.

Jocelyn Brooke (trad. di Salvatore Rosati)

Foggia, In " Botteghe Oscure", n. II, 1948

U tarrazzane di Salvatore il grande



'U tarrazzane 'ere nu crestiane senza padrune chè jève spegulanne pe'i campagne 'e chè vennève tutte quille chè truave: ciammaruche, funge, cemamarèlle, cecurièlle, marasciùle, taragnole, cardune, ecc...A dice 'a veretà de tarrazzane nen ge ne stanne chiù, pure lore s'anne sperdute 'e mescate mizze alla modernità. Mo' stanne 'i tarrazzane da dumèneche, che fanne sule danne. A tuzzà l'ove 'ere na scummèsse a chi tenève l'ove chiù toste, quille vengève. Dedecate ‘o tarrazzàne
Quèste eje state dedecàte ‘e chi ha fatte tande ‘bbène ‘e fuggiane
Sissignore, pecchè ciavèssame pure arrecurdà
Chè lore, che quatte solde c’hanne fatte magnà
‘e nuje…. ce geramme ‘a vija rète quanne l’avèmme ‘ngùntrà.

Nen canusce staggiòne,
sije sènze padrùne ‘e nen faje programme,
tu sije tarrazzàne ‘e kambe cint’anne;

tarrazzàne se nasce,
tarrazzàne se more,
‘a libèrtà….tu, ‘a purte inde ‘o core;

t’anne fermàte, t’anne cacciàte, t’anne arrestàte,
sule pecchè ‘e sèmbe spegulàte,
‘eppure…..nen te sije maje ‘ngazzàte;

‘a chiazzètte… te vanne cercànne,
‘a robbe tuje vanne sèmbe truànne, tu sije tarrazzàne
‘eppure pe quiste, tu kambe cint’anne.
Salvatore IL GRANDE