venerdì 18 aprile 2014

“CARA EQUITALIA, TI COMUNICO CHE MI CANDIDO ALLE EUROPEE”: LINO RICCHIUTI IN LISTA CON “IO CAMBIO”, LISTA CIVICA NAZIONALE PER RIPRISTINARE LA NOSTRA SOVRANITA’ MONETARIA E BLOCCARE LO STRAPOTERE DELLE BANCHE


Cara Equitalia ,
oggi ho deciso di scriverti. Ricordi quando nel dicembre 2010 mi mandasti una tua lettera comunicandomi che avevi intenzione di vendermi la casa ipotecandola , solo perché non ero riuscito a pagare tutto ciò che lo Stato mi chiedeva? Tu forse non lo ricordi , ma io si. Ricordo la botta che sentì nello stomaco, ricordo le lacrime versate , ed era tanto che non lo facevo, dalla dipartita di mio nonno 14 anni prima. Certo non lo nascondo avevo un debito con lo Stato di quasi 20mila euro, ma per lo più erano miei contributi , dichiarati e non versati..sai cosa significa dichiarati mia cara Equitalia? Che non sono un evasore , altrimenti non li avrei dichiarati , quindi significa che in 20 anni da quando ho partita iva tutto il resto lo avevo sempre pagato , ma quando arrivi a un certo punto che devi decidere se pagare il fitto, il mutuo di casa , i contributi dei dipendenti e la corrente di casa e dell’attività e non hai tutte queste entrate che fai? Devi fare delle scelte e lo sai bene che sono 8 anni che non vado in ferie che ho un auto da 15 anni , un cellulare da 5 anni e questo notebook comprato usato e l’unico vizio sono le sigarette. Ma a te nulla è fregato , anzi quei 20.000 tra interessi e sanzioni me li hai portati a 39.500, tu mi dirai che non è colpa tua che osservi la legge.
eqa-008_00011
Ma scusa cara mia , se non potevo pagare quelli come posso pagarne tanti ora? Però per cautelarmi ho iniziato a pagare a rate , però , credo che ti sei fatto un nemico sbagliato. Avrei potuto mollare , perché mi sono sentito solo , ma casualmente una mattina a luglio 2011 mi sveglio e fondo un gruppo su facebook , IO ITALIA lo chiamai ,il primo giorno c’ero solo io, in un mese eravamo quasi novemila ,  conobbi delle ottime persone e a ottobre con questi amici di diverse regioni di Italia fondiamo addirittura la Italia Libera, un associazione politica nazionale e questi amici mi onorano addirittura di diventarne Presidente e in pochi mesi ci circondiamo di tanti coordinatori regionali e tante donne e uomini che abbracciano il progetto , dal Friuli alla Sicilia, roba da non credere. Forte di questa nuova emozione , torno alla carica , mi faccio periziare le cartelle e a dicembre 2011 inoltro denuncia alla mia procura per calcoli ombrati ,e il primo pensiero che ebbi quando uscii dalla caserma dei CC fu “ecco ora vedete voi che significa ricevere una brutta raccomandata” e la  procura avvia un procedimento penale ancora in corso e quindi su questo per rispetto della magistratura non mi dilungo , mi sono sentito di nuovo UOMO , ma non basta cara Equitalia , le persone che conobbi e che mi invitarono a denunciare, a Maggio 2012 mi  invitarono  ad entrare nella loro associazione antiusura  al servizio gratuito dei cittadini in difficoltà con banche ed Equitalia , proponendomi la nomina di Responsabile per la regione Puglia, per poter essere di aiuto ad altri, accettai senza esitare . Mi sa che ti è andata male cara Equitalia , hai sbagliato soggetto o meglio hai sbagliato a essere creata. Tu mi chiederai , “ma da noi che vuoi ?” , voglio solo una cosa mia “cara”  e te lo dissi , forse hai dimenticato, come avrai dimenticato che non sono stato affatto felice di quegli attentati o scemenze varie , e mi sono sempre scagliato contro i protagonisti di quelle gesta , perché una persona colpita da Equitalia non si mette a confezionare proiettili o a scrivere sui muri o cavolate simili , ricordati che la maggior parte della gente da te colpita è gente onesta lavoratrice che sta avendo difficoltà, può far tante cose,incavolarsi , bestemmiare , ma queste no. Infatti chissà perché i colpevoli di quelle gesta non vengono mai trovati. Ritorno alla tua domanda , cosa voglio da te ? Una cosa semplice , visto che il tuo lavoro possono benissimo farlo gli enti impositori senza gravare di ulteriori interessi sanzioni ecc ,non avrò pace finchè non chiuderai battenti. E credimi cara Equitalia , ci riuscirò,troveremo il modo di cambiarla questa legge iniqua, sarà l’ultima cosa che faccio nella mia vita. Quindi più che con te la mia rabbia è nei confronti di quei politici che hanno permesso che nascesse questa società. Forte di questa esperienza la mia battaglia è continuata “cara Equitalia” e a Luglio 2013 ho denunciato anche la banca dopo aver constatato che i tassi applicati sul mio c/c superavano il 40% ed anche qua indagine in corso per usura.
Arriviamo al 2014 , mi contatta un amico che avevo conosciuto durante una delle tante manifestazioni organizzate per difendere le piccole imprese di fronte al palazzo dei sordi a Montecitorio , il quale avendo formato un movimento dal nome IO CAMBIO , conoscendo la mia voglia di non arrendermi e il mio pensiero contro l’euro ,in difesa della sovranità nazionale e monetaria, mi propone la candidatura per il meridione al parlamento europeo , ho accettato non senza averci riflettuto , non ho mai fatto politica attiva , anzi ho sempre dovuto difendermi dalla politica , e tu Equitalia , tu banca siete il frutto di questa politica parassita .Questa è la mia storia , una storia comune , una storia di chi non si è arreso. Un consiglio a tutte le persone in difficoltà con le banche ed Equitalia , non stancatevi mai di lottare per i vostri diritti , fatelo per le vostre famiglie ma fatelo soprattutto per voi stessi, se le regole del gioco sono cambiate in corsa i falliti non siete VOI,ma chi ha cambiato le regole senza pensare a chi si alza ogni mattina per poter mettere ancora un piatto sulla tavola per la propria famiglia. Quando sento parlare di soluzioni , da gente con la pancia piena che non conosce l’ansia del postino , mi viene una forte rabbia, sfruttare i drammi delle persone senza sapere neanche di cosa sta parlando. Un grazie di cuore a tutti voi che spero mi possiate assistere in questa esperienza impegnativa , dura ma che sentivo che era arrivato il momento in cui bisognava metterci la
faccia. Io ci sono , se IO CAMBIO anche tu puoi aiutarmi a  cambiare il nostro PAESE. Forza non molliamo, siamo dei combattenti , combatteremo i parassiti …INSIEME.
Per aiutarmi nel tuo
comune inviami una mail a : scrivialinoricchiuti@gmail.com

domenica 6 aprile 2014

Du'a Khalil Aswad Una Ragazza Irachena di soli 17 anni LAPIDATA


Du'a Khalil Aswad, Ragazza Irachena di soli 17 anni LAPIDATA!!! Il Video Riprende Tutta la Scena!
Questo video VUOLE ILLUSTRARE al MONDO INTERO L'Orrore Della Tirannia Umana, che Si esercita ancora Oggi nel 21° Secolo in alcune parti del mondo, con una FEROCIA BRUTALE e DISUMANA!!!


Du'a Khalil è stata una giovane ragazza di soli 17 anni, curda irachena di religione yazida, giustiziata tramite lapidazione, pratica in uso nell'Iraq settentrionale che fa riferimento al "delitto d'onore".

La Povera ragazza è stata Uccisa a causa del suo Reato che non era altro che Una STORIA D'AMORE

Sudan:Donna frustata in piazza davanti a tutti.Motivo?Indossava abiti indecenti.

sudan donna frustata

Sudan :Video shock delle 50 frustate inflitte in pubblico. La ragazza implora pietà. Le immagini sono state girate a Khartoum


Cinquanta frustate in pubblico: è questa la punizione durissima inflitta a una donna in Sudan colpevole di aver indossato abiti indecenti. La ragazza – si vede in un video diffuso su internet – si inginocchia e viene frustata, poi finisce a terra e alza le braccia, tra le lacrime implora pietà senza successo. Il suo dolore non ferma la furia del boia che anzi infierisce insieme a un altro agente colpendola sul volto, sulle mani e in tutto il corpo.
Il filmato  è stato postato su YouTube da attivisti per i diritti umani che chiedono l’apertura di un’inchiesta sulla vicenda e l’abolizione delle pene corporali e della legge che punisce chi indossa “abiti indecenti”.
Nello stesso anno, la giornalista sudanese Ahmed Al Hoseini finì sotto processo perché in pubblico aveva indossato dei pantaloni. La giornalista, grazie alla mobilitazione internazionale riuscì ad evitare le frustate, ma fu condannata a pagare un’ammenda di 200 dollari.
sudan donna frustata 2

giovedì 3 aprile 2014

ISLAMICI DECAPITANO CRISTIANI E METTONO TESTE A ‘BOLLIRE’ – FOTO SHOCK

testedecapitate2
In fondo all’articolo la foto senza censura
Non ha limite la barbarie islamica, i gruppi di resistenza siriana continuano a diffondere video e immagini dei crimini commessi dai sedicenti ‘ribelli’.
In questo caso, l’esecuzione e la decapitazione ha avuto luogo dopo che i gruppi di terroristi islamici – alleati del cosiddetto ‘occidente’ – hanno preso d’assalto la prigione “Gharaz” nella provincia di Daraa il 19 marzo 2014.
Dopo avere ‘giustiziato’ i soldati e il personale della prigione, hanno individuato due cristiani e hanno messo le loro teste a ‘cuocere’ in una pentola.
È possibile visualizzare la posizione qui. Potete vedere che la prigione si trova vicino ai Silos che sono state prese dai terroristi negli ultimi due giorni. Nessun video dell’esecuzione sommaria al momento è stato diffuso.
Queste immagini devono arrivare in Vaticano e turbare il sonno di quelli che non fanno nulla e non dicono nulla.

*FOTO NON CENSURATA*


testedecapitate